Il nuovo sito web

Il mondo MBI è in continua evoluzione e aggiornamento. Anche il nostro sito web si è rinnovato per essere più bello e facile da consultare, per trovare velocemente quello che ti interessa e visionare ogni modello disponibile.

Scopri le nostre linee prodotto pensate per la demolizione, la rottamazione ed il riciclo, il movimento terra e la costruzione; scarica il nostro catalogo, sempre disponibile e aggiornato in formato digitale, da qualsiasi sezione del sito dedicata alle attrezzature.

Approfondisci e rimani connesso attraverso i nostri canali social per vederci in azione, con contenuti sempre nuovi aggiornati continuamente.

Il progetto: demolizione in corso a Bologna

Ecoinerti di Matteo Pancaldi è a lavoro in un impegnativo cantiere presso Bologna che prevede la demolizione della ex filiale di Alstom, storica azienda Italiana costruttrice di treni e sistemi annessi.

L’area del cantiere è molto ampia e si colloca in un’area abitata del capoluogo Emiliano, dove una demolizione controllata è imprescindibile. Le strutture presenti si differenziano in aree di stoccaggio e lavorazione caratterizzate da ampie costruzioni in ferro e aree ufficio più strutturate con presenza di cemento armato.

La squadra di lavoro è formata da due escavatori Hitachi 280 e 210, con abbinate la CC25 Combi Crusher e l’SGR1000 grapple. A supporto l’immancabile MS16 Multysistem.

 

Le attrezzature lavorano in perfetta sincronia e autonomia; il CC25 viene impiegato sulle strutture metalliche arrivando direttamente al taglio delle parti portanti, seguendone con facilità la caduta a terra e la successiva manipolazione. Una volta ordinate le strutture metalliche esegue anche un taglio a terra delle parti più ingombranti e massicce, così da velocizzare la successiva demolizione secondaria.

Nel frattempo il nostro grapple “demolitore” si occupa non solo di gestire tutto il materiale a terra accatastandolo in base alla tipologia di materiale ma anche della demolizione delle strutture più leggere e pericolanti, in particolare delle tettoie che ricoprono le strutture metalliche e la precisa estrazione delle coperture esterne. l’SGR è a tutti gli effetti una macchina da demolizione dotata di grande precisione e manovrabilità.

La demolizione è tutt’ora in corso e prevede lo smaltimento di circa 30.000 mt cubi di materiale di vario genere. Le fasi finali di lavoro vedono l’abbattimento della struttura più complessa di cemento armato per la quale verrà sempre utilizzato il CC, adatto ad affrontare le strutture miste grazie alle sue caratteristiche di estrema dinamicità.

 

Matteo Pancaldi lo descrive come un nuovo concetto di demolizione, uno strumento unico che permette molteplici applicazioni senza compromessi sull’efficienza.

Guarda l'intervista che abbiamo realizzato

Segui il canale Telegram per ricevere aggiornamenti in tempo reale